La musica da danza è il tema dell’edizione 2019

“La musica ci rivela che il cervello è tutt’uno col corpo e che il corpo è il tramite per la nostra conoscenza del mondo che ci circonda”.

Enrico Bronzi
Direttore Artistico del Festival “Neisuonideiluoghi” 2019

XXI Edizione del Festival

Molti anni sono trascorsi dall’avvio del festival ed ogni anno la voglia di aggiungere sempre più impegno e qualità è evidente. Ne è un segnale importante l’ allargamento del numero di partnership con le Accademie di alta formazione da cui provengono i giovani musicisti da selezionare. Quest’anno sono state incluse due prestigiosissime realtà formative in ambito pubblico e privato: la Kunstuniversität di Graz e la Milano Music Masterschool al fine di elevare il livello già molto interessante delle proposte, ponendo le accademie su un piano di confronto competitivo.        Si conferma anche quest’anno il calendario allargato e la presenza di nuove leve a fianco di interpreti esperti, in un caleidoscopico programma musicalmente multiculturale ed aperto.

La musica classica rappresenta la principale proposta ma sono diverse le incursioni in altri generi come il jazz, il kletzmer e l’etnico. Costante del Festival è il suo palcoscenico fatto di  piazze, chiese, castelli, ville storiche e aziende agricole con l’obiettivo di valorizzare non solo la musica, ma anche il patrimonio artistico, culturale ed architettonico della regione e di alcune località in Slovenia e Croazia che quest’anno ospiteranno alcuni dei concerti del Festival.

Primo appuntamento il 5 luglio a Gorizia

Il Festival avrà inizio venerdì 5 luglio, alle ore 21.00 a Gorizia presso il Parco Municipale con un’esibizione del Trio di Parma, prestigioso complesso cameristico nato nel 1990 al Conservatorio “Arrigo Boito” di Parma.